Posted by & filed under News.

Nell’ambito della Riforma della Pubblica Amministrazione, il 24 Giugno è stato approvato il Decreto Legge n.90 che introduce diverse novità anche nella Sanità Nazionale.
Vediamo insieme alcune di interesse comune:

  • Pensionamento dirigenti medici: per i dirigenti medici è stata prevista la possibilità di andare in pensione al compimento dell’anzianità massima contributiva di 40 anni.
  • Durata delle scuole di specializzazione e risorse: la durata delle scuole di specializzazione è stata ridotta di un anno, a partire dall’anno accademico 2014/2015. E’ stato previsto inoltre uno stanziamento di 6 milioni di euro per il 2014, di 40 milioni per il 2015 e di 1,8 milioni per il 2016, che aumenterà il numero di posti disponibili nelle scuole di specializzazione da 3300 a 5000.
  • Ricetta medica per malati cronici: una novità molto interessante per i malati cronici, che rappresentano il 24% dei pazienti assistiti dal Servizio Sanitario Nazionale, è la norma che prevede l’aumento della validità della ricetta medica da 60 a 180 giorni. Inoltre, sempre per le patologie croniche, il medico può prescrivere medicinali fino a 6 pezzi per ricetta, a patto che il paziente assuma tali medicinali da almeno 6 mesi. Questo permetterà di ridurre notevolmente le code e i tempi di attesa presso il medico di famiglia.
  • Assicurazione per i medici: la copertura assicurativa per i medici vale nei limti delle risorse del fondo assicurativo costituito, sarà poi il gestore del fondo a stabilire le misure di contribuzione per la costituzione del fondo. I medici inoltre sono tenuti a stipulare contratti assicurativi adeguati per la tutela dai rischi derivanti dall’esercizio dell’attività professionale.

Per le altre norme stabilite si rimanda al Decreto Legge n. 90 del 24/6/2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.